Benvenuto in famiglia Fido!

Nei primi mesi di vita Fido attraversa una importante fase di socializzazione ed impara ad interagire con i propri simili e con altre specie, prendendo coscienza di ciò che lo circonda, dagli ambienti, agli uomini, agli altri animali. E’ una fase chiave in cui forgiare comportamento e capacità del proprio cucciolo per permettergli di adattarsi in maniera positiva alla convivenza con l’uomo, con gli altri suoi simili, ma anche con i luoghi.

J

Socializzazione

I metodi di insegnamento sono moltissimi ed addestratori cinofili possono utilizzare diverse scuole di pensiero per raggiungere il medesimo risultato. Il video qui presente può aiutarti a capire come interagire con il tuo cane e come farlo socializzare in maniera corretta con animali e persone. Premi semplicemente play ed ascolta con attenzione i consigli di Martin Deeley, addestratore esperto di cani e fondatore della AICP, International Association of Canine Professionals.

Si impara da cuccioli a piccoli passi

E' importante far socializzare Fido, ed è ancora più importante farlo nei tempi corretti

Imprinting

Durante le prime fasi di vita i cuccioli devono rimanere con la madre ed i fratelli fino ai due mesi di vita ed essere al contempo esposti ad altri cani, a persone ed ambienti, nel rispetto delle loro caratteristiche individuali. L’imprinting è la fase fondamentale per uno sviluppo comportamentale corretto, il cucciolo impara dalla nascita chi è, come sopravvivere e come socializzare. Cani adottati prematuramente possono risentire fortemente di un imprinting errato.

w

Un tempo per socializzare

Dalle 3 alle 8 settimane di vita i cani imparano ad interagire con mamma e fratelli, fino alle 12 settimane con le persone e con le altre specie animali, mentre dalle 5-12 settimane fino alle 16 settimane i cani esplorano i nuovi ambienti e imparano a conoscere ciò che li circonda. Tre mesi può essere fissato come limite massimo per la socializzazione spontanea del cane con un’altra specie animale, adulti e bambini. Proprio per questo è importante impegnarsi al meglio nei primi mesi di vita del cucciolo.

+

Cuccioli

E’ davvero importante far socializzare tra loro cani di taglia, età, peso e possibilmente scale neoteniche il più possibile compatibili. Se due cuccioli si fanno male mentre stanno socializzando, possono pensare che sia colpa dell’altro cane e quindi associare ad un momento di gioco e conoscenza, un’esperienza non piacevole da cui difendersi. Cani di sesso diverso vanno solitamente maggiormente d’accordo. Socializzare serve ad imparare a comunicare correttamente.

z

Impara ad ascoltare

Un momento di gioco può rapidamente trasformarsi in sfida ed addirittura lotta. Quando la conversazione tra cani comincia a prendere una brutta piega è importante intervenire in maniera corretta e preventiva perchè prenire è sempre meglio che curare. Anche in un momento di sfida c’è comunicazione. Sta a voi capire quando un momento di svago sta per trasformarsi in pericolo. Se avete scelto un cane selezionato per combattere, non potete pretendere che sia amichevole con altri cuccioli.

Terra, seduto e resta

I comandi base da rinforzare ogni giorno e che ogni giorno ti serviranno

J

Guarda i nostri video

I metodi di insegnamento sono moltissimi ed addestratori cinofili possono utilizzare diverse scuole di pensiero per raggiungere il medesimo risultato. Questi video possono aiutarti a capire come insegnare al tuo cane i comandi di base come seduto, terra e resta.

La legge, nelle pubbliche vie e nei luoghi aperti frequentati dal pubblico, nonché nei luoghi del condominio, obbliga a condurre i cani con il guinzaglio o la museruola (se sono aggressivi devono avere entrambi).

I cani possono essere tenuti senza guinzaglio e senza museruola: entro i limiti dei luoghi privati purchè non aperti al pubblico, recintati, in modo da non consentire l’uscita sul luogo pubblico.

I cani possono essere condotti senza guinzaglio e senza museruola, sotto la responsabilità del proprietario e del detentore, nelle aree appositamente attrezzate e individuate mediante appositi cartelli (ad esclusione dei cani aggressivi), senza determinare danni alle strutture presenti.

Nei giardini non possono accedere nel raggio di 100 metri dalle aree destinate e attrezzate ad aree giochi per bambini. Invece possono accedere, con guinzaglio e museruola, nei cimiteri, accompagnati dal proprietario o da altro detentore. Possono accedere, con guinzaglio o museruola, accompagnati dal proprietario o detentore, a tutte le aree pubbliche, compresi giardini e parchi, tranne in quelli dove è espressamente vietato dall’Ufficio per la tutela degli animali mediante apposita segnaletica che riporti l’area verde accessibile ai cani più vicina.

Negli esercizi pubblici possono accedere con guinzaglio e museruola (non devono sporcare né disturbare), a meno che non venga espressamente richiesto e comunicato all’Ufficio competente per la tutela degli animali di non ammetterli all’interno del proprio esercizio.

Il proprietario di un cane è sempre responsabile del benessere, del controllo e della conduzione dell’animale e risponde, sia civilmente che penalmente, dei danni o lesioni a persone, animali o cose provocati dall’animale stesso.

Ai fini della prevenzione di danni o lesioni a persone deve: utilizzare SEMPRE il guinzaglio lungo non più di mt 1,50 durante la conduzione dell’animale nelle aree urbane e nei luoghi aperti al pubblico. La legge obbliga il proprietario a portare con sé una museruola, rigida o morbida, da applicare al cane in caso di rischio per l’incolumità di persone o animali o su richiesta delle autorità competenti. La museruola è obbligatoria anche in determinati luoghi pubblici, come funivie o metropolitane (dove ammessi). Il proprietario deve inoltre acquisire un cane assumendo informazioni sulle sue caratteristiche fisiche ed etologiche nonché sulle norme in vigore e raccogliere le feci del proprio animali con strumenti idonei alla raccolta delle stesse.

Chiunque sia proprietario o detentore di un cane è obbligato ad iscriverlo all’anagrafe canina entro il terzo mese di vita dell’animale oppure entro trenta giorni dalla data di acquisto o di detenzione, e a comunicare all’anagrafe canina il luogo in cui lo detiene, se diverso dalla residenza, anche se si tratta di un trasferimento temporaneo superiore ai due mesi.

Chiunque possiede o detiene a qualsiasi titolo un animale di compagnia è responsabile della sua salute e del suo benessere, deve provvedere alla sua sistemazione e fornirgli adeguate cure ed attenzioni, tenendo conto dei suoi bisogni fisiologici ed etologici, secondo l’età, il sesso, la specie e la razza.

In particolare deve:
– assicurare cibo e acqua in quantità sufficiente e giornaliera, in ambienti idonei sottoposti a regolare pulizia;
– garantire i necessari interventi veterinari a carattere preventivo e curativo;
– garantire un’attività motoria adeguata alla taglia, alla razza ed alla specie;
– assicurare il rispetto delle misure minime previste per gli spazi di stazionamento quali gabbie, terrari, box, ecc. come da allegati di questo Regolamento;
– assicurare un’adeguata custodia, la fuga recidiva, che dichiara una cattiva o inadeguata custodia, prevede sanzioni amministrative;
– tener conto, nel caso in cui l’animale venga adibito alla riproduzione, delle sue caratteristiche fisiologiche e comportamentali, in modo da non mettere a repentaglio la salute ed il benessere della progenitura o della femmina gravida o allattante;
– assicurare il controllo delle nascite per evitare cucciolate indesiderate tramite sterilizzazione o altri metodi consigliati dal medico veterinario;
– tenere unita la prole alla madre per il tempo necessario allo sviluppo relazionale della specie evitando la separazione se non per gravi motivazioni certificate da un medico veterinario;
– garantire la tutela di terzi da possibili aggressioni;
– provvedere alla raccolta degli escrementi.

Al fine di garantire il mantenimento del benessere animale, e dell’igiene, nei casi di evidente ed accertata mal detenzione il Sindaco ha facoltà di limitare il numero di animali detenibili. Spetta al Comune stabilire quando la detenzione (come compagnia) da parte di un privato cittadino di un numero esuberante di animali lo porti a doversi adeguare per lo smaltimento dei rifiuti, delle deiezioni ecc. a quanto previsto per allevamento per quella/e tipologia/e di animali dalle normative di settore.

Chiunque possiede o detiene a qualsiasi titolo un animale da compagnia è responsabile dei danni cagionati dall’animale sia che si trovi sotto la sua custodia, sia che sia stato smarrito o sia fuggito.

In caso di fuga del proprio cane il proprietario o detentore deve presentare al più presto denuncia dell’accaduto agli organi competenti (Polizia Comunale, Carabinieri e Azienda Sanitaria Goriziana). Solo effettuando la denuncia di smarrimento prima che il cane venga catturato, il proprietario e/o detentore/accompagnatore potrà beneficiare dell’istituto del caso fortuito che lo esonera dal pagamento della sanzione amministrativa prevista; rimangono fatti salvi i diritti da parte di terzi per gli eventuali danni causati dall’animale fuggito.

Il proprietario o detentore deve garantire che il muso del cane non oltrepassi la recinzione dell’abitazione privata per evitare danni ai pedoni ed assicurarsi che l’animale non esca incustodito dal cancello dell’abitazione.

Chiunque rinviene un cane solo e libero di vagare in aree pubbliche è tenuto ad una immediata segnalazione agli organi competenti.

Chiunque possegga o detenga cani ha l’obbligo di circolare in vie e aree pubbliche o aperte al pubblico con guinzaglio, portare con se la museruola e quanto necessario per la raccolta delle deiezioni.

In caso di trasporto con mezzi privati, i contenitori utilizzati per trasportare gli animali devono essere realizzati in materiale idoneo, consentire la stazione eretta, ovvero la possibilità di sdraiarsi e rigirarsi, e essere manipolati con cura e sistemati all’interno del veicolo in modo tale da assicurare l’incolumità dell’animale custodito. In caso di viaggi superiori alle due ore l’animale deve avere a disposizione dell’acqua, e in ogni caso il proprietario/detentore deve recare con se acqua e ciotola o simile dispositivo idoneo a contenerla.

Coming soon

Cane Sicuro è in fase di aggiornamento

Continuando a navigare accetti l'utilizzo di cookies. più info

Benvenuto sui nostri siti in questa pagina vogliamo renderti partecipe di come utilizziamo le tue informazioni. In linea con la legislazione Europea, è fondamentale che ogni utente del sito web comprenda cosa sono i cookie e per quale motivo vengono utilizzati, in modo che gli utenti stessi possano decidere consapevolmente se accettarne l’utilizzo o no sui propri dispositivi. Questo sito web installa cookie propri e/o di terzi durante la visita alle sue pagine. Utilizziamo questi file per facilitare la navigazione, ottenere dati statistici e per migliorare la pertinenza degli annunci. Se l’utente continua a navigare, considereremo che accetta il loro utilizzo. Nota che i cookie non sono negativi o dannosi. Senza questa tecnologia i siti che visiti di frequente, compreso il nostro, potrebbero non funzionare correttamente. Un cookie è un breve testo inviato al tuo browser da un sito web visitato. Consente al sito di memorizzare informazioni sulla tua visita, come la tua lingua preferita e altre impostazioni. Ciò può facilitare la tua visita successiva e aumentare l’utilità del sito a tuo favore. I cookie svolgono un ruolo importante. Senza di essi, l’utilizzo del Web sarebbe un’esperienza molto più frustrante. I cookie vengono utilizzati per vari scopi, per memorizzare le tue preferenze per SafeSearch, per rendere più pertinenti gli annunci che visualizzi, per contare il numero di visitatori che riceviamo su una pagina, per aiutarti a registrarti ai nostri servizi e per proteggere i tuoi dati. Come altri siti utilizziamo cookie per monitorare le visite al nostro dominio attraverso Google Analytics, un servizio che raccoglie dati statistici generali sulle visite ma senza memorizzare nessun dato che possa ricondurre all’identità degli utenti. Grazie ad cookie possiamo quindi sapere da dove ci visiti, quale pagina stai visitando, la durata della navigazione e come sei riuscito a raggiungerci. Utilizziamo questo servizio per introdurre miglioramenti in funzione all’analisi di tali dati e per ottimizzare il nostro dominio. I dati generati da Google Analytics sono conservati da Google così come indicato nella Informativa reperibile al seguente link. L’utente può disabilitare in modo selettivo l’azione di Google Analytics installando sul proprio browser la componente di opt-out fornito da Google. Inoltre, utilizziamo annunci per supportare i costi dei servizi che offriamo. Alcuni servizi che utilizziamo (tra cui Google Ads) possono visualizzare annunci basati sui tuoi interessi. I cookie utilizzati per generare questi tipi di annunci non vengono utilizzati per identificare personalmente gli utenti, così come non vengono utilizzati dati personali per generare tali annunci. La pubblicità basata sugli interessi viene utilizzata in conformità alle Norme sulla privacy di Google. Gli utenti possono sapere in che modo gli annunci vengono personalizzati in base ai loro interessi tramite lo strumento Gestione preferenze annunci, disponibile nel Centro sulla privacy di Google e facendo clic sulla maggior parte dei link “Annunci Google” presenti negli annunci Google. Gli utenti possono aggiungere o rimuovere categorie per migliorare la pertinenza degli annunci che visualizzano oppure disattivare la pubblicazione degli annunci basati sugli interessi. Con questo strumento, ci auguriamo che gli utenti si sentiranno coinvolti e a proprio agio nel momento in cui visualizzano annunci e pubblicità qui ospitate.

Chiudi